11/17/2018

#1. IL PROFUMO, Origini & Curiosita'


Inizia oggi una nuova rubrica dedicata alla storia del profumo ed alle curiosita' che ruotano intorno a questo meraviglioso mondo.





 La parola “profumo” deriva dalla locuzione latina "per" che significa "attraverso" e "fumus" che significa "fumo". I francesi diedero il nome "parfum" agli odori prodotti dall'incenso che bruciava. In effetti, la prima forma di profumo era l'incenso, creato per la prima volta dai Mesopotamici circa 4000 anni fa. Le antiche culture erano avvezze a bruciare una varietà di resine e legno durante le loro cerimonie religiose. L'incenso raggiunse l'Egitto intorno al 3000 a.C. ma fino all'inizio dell'Età dell'oro, questi profumi venivano usati solo nei rituali religiosi. Divennero gradualmente disponibili per tutti gli egiziani poiché la classe religiosa rinuncio’ al proprio diritto esclusivo sull’utilizzo di questi incensi. Accadde così che i semplici cittadini, grazie a questa concessione, poterono godere di fatto di bagni profumati e poterono immergere la loro pelle in olii inebrianti per puro piacere personale.
I profumi e il loro uso risalgono all'alba dei tempi, sviluppandosi parallelamente alle civiltà.
Gli storici ritengono che fosse in Medio Oriente, intorno al 7000 aC, quando apparvero i primi oggetti considerati come vasi di profumo e cosmetici. Queste civiltà medio-orientali impiegavano vari odoranti, principalmente resine ampiamente utilizzate già nel 4000 aC in fumigazioni rituali consumate negli incensieri, riservati agli dei e riservati alle famiglie reali.


English Version:
The word "perfume" derives from the Latin phrase "per" which means "through" and "fumus" which means "smoke". The French gave the name "parfum" to the smells produced by burning incense. In fact, the first form of perfume was incense, created for the first time by the Mesopotamians about 4000 years ago. The ancient cultures were accustomed to burning a variety of resins and wood during their religious ceremonies. Incense reached Egypt around 3000 BC. but until the beginning of the Golden Age, these perfumes were used only in religious rituals. They gradually became available to all Egyptians because the religious class renounced its exclusive right to use these incenses. So it happened that the simple citizens, thanks to this concession, could enjoy the fact of scented baths and could immerse their skin in intoxicating oils for pure personal pleasure.

The perfumes and their use date back to the dawn of time, developing in parallel with the civilizations.Historians believe that it was in the Middle East, around 7000 BC, when the first objects considered as vases of perfume and cosmetics appeared. These Middle-Eastern civilizations employed various odors, mainly resins widely used as early as 4000 BC in ritual fumigations consumed in censers, reserved for the gods and reserved for royal families.

Version française:
Le mot "parfum" dérive de la phrase latine "per" qui signifie "à travers" et "fumus" qui signifie "fumée". Les Français ont donné le nom de "parfum" aux odeurs produites par la combustion de l'encens. En fait, la première forme de parfum était l'encens, créé pour la première fois par les Mésopotamiens il y a environ 4000 ans. Les anciennes cultures étaient habituées à brûler une variété de résines et de bois lors de leurs cérémonies religieuses. L'encens a atteint l'Egypte vers 3000 av. mais jusqu'au début de l'âge d'or, ces parfums n'étaient utilisés que dans les rituels religieux. Ils ont été progressivement mis à la disposition de tous les Égyptiens parce que la classe religieuse avait renoncé à son droit exclusif d'utiliser ces encens. Il est donc arrivé que les simples citoyens, grâce à cette concession, puissent profiter du fait des bains parfumés et plonger leur peau dans des huiles enivrantes pour un pur plaisir personnel.
Les parfums et leur utilisation remontent à la nuit des temps, se développant parallèlement aux civilisations.Les historiens pensent que c'est au Moyen-Orient, vers 7 000 av. J.-C., que sont apparus les premiers objets considérés comme des vases à parfum et à cosmétique. Ces civilisations du Moyen-Orient employaient diverses odeurs, principalement des résines largement utilisées dès 4000 ans av. J.-C. dans des fumigations rituelles consommées dans des encensoirs, réservées aux dieux et réservées aux familles royales.

11/13/2018

RECENSIONE: Eau Sauvage by Dior edt uomo

Oggi con rinnovata gioia andiamo a recensire questo capolavoro,pur riformulato post-IFRA,della maison Dior.







Confezione: Bianca e minimal,con banda orizzontale argentata che riporta il nome.
Boccetta:trasparente in vetro zigrinato e tappo argentato.
Punti di aspersione: polso-dorso della mano-caviglia-clavicole

Un'esplosione di yuppismo e di Nepentha, Moncler e Timberland, e Mini Cooper nel parcheggio.
Un limone fresco ed energizzante che dura quanto una partita a scacchi tra Karpov e Kasparov, ma senza la noia che accompagna quella. E' un capolavoro mutevole che non rimane mai invariato: l'agrume da' ben presto il posto al garofano ed all'iris, mai così mascolini,che trasudano poi in un'esplosione finale di muschio di quercia e vetiver ( un vetiver assoluto,forte e deciso, che ben si commuta nei legni più pregiati ).
Impossibile non amarlo.
Concludendo,che tu abbia 20 o 70 anni, questo è il profumo meglio riuscito da uomo che la maison Dior ha sfornato negli anni '70, e pur riformulato secondo i nuovi dettami IFRA rimane un fuoriclasse senza tempo. DA AVERE NEL PROPRIO PARTERRE
Prezzo di listino: eur. 92 il 100 ML edt
Prezzo di Cattani&Vezzoli: eur. 83

5/09/2016

RECENSIONE: Jean Paul Gaultier Le Male eau de toilette

Oggi recensiamo il più famoso,non immotivatamente,profumo della maison Jean Paul Gaultier,versione eau de toilette,il famoso "mezzo busto" Le Male.





Confezione: una latta argentata,sembra una lattina di coca cola ma assai più grande.
Boccetta:l'inconfondibile mezzo busto,azzurro trasparente.
Punti di aspersione: Clavicole-dorso della mano-interno del gomito

Favoloso.
Solo favoloso?
No,di più.
Un profumo senza tempo e senza stagionalità.La menta pervade immediatamente i sensi e va a depositarsi sulla pelle,rimanendoci per ore.Nell'immediatezza,le spezie cannella e cumino sussurrano la loro presenza,per poi esplodere infine accompagnate per mano dalla vaniglia e dalla Fava Tonka.
Dal 1995,anno della sua messa in commercio,ha sedotto migliaia di donne e stregato migliaia di uomini.
UN MUST ASSOLUTO,DA AVERE.
Ps. I tentativi di imitazione non si contano...questo "sembrajeanpaulgaultierecostamoltomeno" non esiste...non buttate i Vostri soldi in qualcosa che potrebbe somigliarci...
Concludendo,le donne non vi salteranno addosso solo per il profumo,ma il vigore che vi conferisce questa fragranza,senza dubbio,vi farà sentire sempre al posto giusto!


1/28/2016

RECENSIONE: MUSC REMINESCENCE eau de toilette RIMANDATO



Oggi recensiamo questo edt della blasonata maison francese Reminescence:MUSC edt 200 ml

Confezione: azzurra rettangolare con profili e scritta in argento.
Boccetta: alta e possente,trasparente con logo e nome in argento
Punti di aspersione: polso-retro del lobo-clavicole




Che dire?
Un ottimo muschio che si fa sentire dal' inizio alla fine,con alternate note di ylang ylang e mandorla in apertura,che offrono quel caratteristico pizzicore della frutta secca ed aromatizzata.
Ambra e vaniglia a far da contorno,non immediatamente percepibili ma in sottofondo,senza urlare la loro presenza.
Concludendo,SI se vogliamo avere una brezza leggera primaverile che non sia eccessivamente persistente ne' palesata,NO se vogliamo una spiccata affermazione del nostro carattere.
Non sarà recensito come profumo da donna...per quanto ci riguarda è tranquillamente unisex.


RIMANDATO A SETTEMBRE


Prezzo di listino: eur. 105 il 200 ML edt
Prezzo Cattani & Vezzoli: eur. 74,00



1/25/2016

RECENSIONE: Arden for men Sandalwood edc PROMOSSO per l'uomo classico




Oggi andiamo a recensire questo profumo da 100 ML spray in versione eau de cologne.
Il prodotto si presenta in una confezione Rosso fuoco,quasi rosso Ferrari,con scritte bene in vista e sigillato in cellophane.
La boccetta ha forma cilindrica e trasparente,ed il succo al suo interno è di colore giallo molto sbiadito quasi incolore.
Il tappo è argentato,e nasconde uno spray di colore bianco.


L'aspersione e' effettuata nei seguenti punti: collo-polso-dorso della mano-caviglia-incavo del gomito 


Il sandalo arriva immediato e dirompente,ha una struttura ben costruita e rinforzata dalla lavanda e dal limone.
Emergono,dopo qualche minuto,le note di Fava Tonka e muschio bianco(che ci accompagnano fino alla sua sparizione),mentre il robusto legno di sandalo continua a farsi sentire con piacere nel sottofondo.
Invece vetiver,patchouly e basilico,le note che dovrebbero essere nel cuore della fragranza,sono solo timidamente avvertite,e forse questo gioca a favore delle altre essenze.
Concludendo,è un legno di sandalo che ben sa farsi apprezzare da un pubblico adulto ed abituato a fragranze classiche,da "camicia button down e maglione",un po' meno dall'uomo di 30/40 anni in giacca e cravatta(che preferisce un profumo più deciso).
Prezzo di listino: eur. 43,00
Prezzo di   Cattani&Vezzoli:    eur. 23,00




1/24/2016

RECENSIONE:Trussardi uomo edt,BOCCIATO SENZA APPELLO

Oggi ci tocca recensire questo profumo,TRUSSARDI UOMO eau de toilette.
Non sono importanti i punti di aspersione:uno vale l'altro,in questo caso.
Non è importante la boccetta,il packaging od i colori:non hanno peso,in questo caso.(Per fugare ogni dubbio su quale sia-affinché non buttiate i Vostri soldi-e' quello tutto nero,in foto)
Secondo lo spot della casa produttrice e' la quintessenza della mascolinità raffinata....Mai tanta pomposità fu usata in maniera tanto inappropriata...
Bergamotto,muschio,patchouly,limone,violetta...ma dove?ma quando?ma come?
Non ha alcuna nota distintiva,nulla è percepito,e' solo un grande boato-appena spruzzato- che va a perdersi nel giro di qualche decina di minuti,senza lasciare ricordo di se',se non quello di avere buttato nel cesso un centinaio di euro.
Roba da discount.
Ma qui il prezzo si paga eccome.
Non ci siamo proprio...e' un miscuglio di essenze sintetiche che neanche il doccia schiuma Badedas...ahinoi ci è capitato di vendere questo feticcio a qualche pseudo-amante del marchio,forse fuorviato dalla pubblicità che ne fa la Maison Trussardi,spacciandolo come omaggio alla fragranza di maggior successo del marchio....SI,questo è VERO:il vecchio Trussardi,non rivisitato ex IFRA,aveva tutt'altro carattere,spessore e personalità...ed altri ingredienti,di primissima qualità,per veri intenditori e da tenersi stretto e caro(qualche vintage e' possibile trovarlo in ottimo stato),ma questo proprio NO....Mai avremmo venduto una tale sintetica accozzaglia se non su espressa e reiterata specifica richiesta...
Consigliamo al Trussardi di dedicarsi ad altro(ai vestiti?non so,non conosco)
Prezzo di listino: SEMPRE TROPPO SE    COSTA PIÙ DEL DEODORANTE INTESA

1/23/2016

La de-generazione della Profumeria e L'IFRA




Gia' da qualche anno,il mondo della Profumeria e' radicalmente mutato.Piccole e nuovissime case di produzione stanno sorgendo dal nulla e cercano-giustamente dal loro punto di vista-di rosicchiare una fetta di quella torta che lo strapotere delle grandi ed affermate maison(Chanel,Dior,Guerlain..il gruppo LVMH e RICHEMONT piu' in generale) si contendono da decenni e decenni.
Emerge la cd. profumeria di nicchia...che,di fatto,e' tale solo nel nome,e non invece negli ingredienti..ci sono piu' ingredienti chimici in una M***D*O** che nel peggiore Guerlain,soprattutto se pre-riformulato(ma questo,poi,e' un discorso che affronteremo nello specifico piu' avanti...i tempi non sono ancora maturi,anche se il post e' gia' scritto e pronto per essere smussato ed ingentilito,giacche' la nostra reverenza per la "nicchia" e' molto simile a quella che proviamo per il Dixan piatti al gelsomino...),e le materie prime-pur apparendo le stesse ad un occhio e ad un naso non preparato-sono abissalmente diverse.
Ed,in tutto questo clamore,esistono e resistono i profumi"vintage",ossia pre-riformulati.
Antefatto:esiste da qualche anno il famigerato REGOLAMENTO IFRA,una calamita' per i big della profumeria,ma anche e soprattutto per l'utente finale....creare un profumo oggi non ha le stesse modalita' di qualche decennio fa...
Il sucitato regolamento prevede che,per via di ipotetiche e -diocenescampi- possibili allergie,la cosmesi deve sottostare a regole ferree quanto ad utilizzo di materie prime,e per questo,limitarne fortemente l'impiego...ora,tutto bello e tutto buono....MA C'E' UN MA....




L'IFRA(associazione internazionale delle fragranze) e' per lo piu' SOVVENZIONATA dalle grandi case che sono sottoposte al controllo...L'IFRA ha ritenuto pericolose una serie di materie prime assai pregiate e costose per via della rarita' nel loro approvigionamento e difficolta' di lavorazione mantenendone intatta la purezza....L'IFRA ha ben creduto di dettare concentrazioni di questa o quella materia prima in minor percentuale rispetto alla profumeria cui eravamo abituati negli anni '80...
Ecco perche' tantissimi fruitori di vecchia data di Fahrenheit,oppure di Drakkar Noir,vanno a lamentare un "profumo che e' cambiato"....non e' una sensazione,e'la verita'...e' il cd. RIFORMULATO...
Ma,ahinoi,pur utilizzando materie prime non piu' all'altezza,i costi sono rimasti i medesimi....solo per l'utente finale!
Purtroppo non ci e' permesso di uscire da questo circolo viziato dall'unico motore che ormai sospinge i grandi brands,ossia il solito e sovraesposto DIO-DENARO...
Non ci sentiamo,neppure,di consigliarVi acquisti online della profumeria "vintage" pre-IFRA,giacche' i vecchi profumi che si trovano hanno una serie di problematiche di cui diremo in un prossimo futuro...


Unica soluzione:provare,ri-provare e ri-ri-provare piu' di una fragranza,lasciandola decantare sul proprio punto di spruzzo e cercare di "farcela piacere" per quella che e' attualmente,con uno sguardo nostalgico al passato ma con consapevolezza disincantata sul presente.
RIFORMULATO non vuol dire schifoso,questo sia chiaro:puo' voler dire maggior impiego di sostanze sintetiche e contestuale minore uso di materie prime rare e pregiate.LA PERSISTENZA non e' assolutamente un metro di paragone indubitabile:sono utilizzati fissanti (quali iso e super) che non fanno demordere nel tempo la fragranza...